ABBASSA LO STEREO[TIPO]


Il
raggiungimento della parità e il superamento delle discriminazioni
sessuali, nonché delle varie forme di violenza di cui le donne e le
ragazze sono vittime, è in primo luogo da costruirsi attraverso un
cambiamento culturale, che punti a sradicare stereotipi e
rappresentazioni statiche della realtà. Questo sono infatti gli
stereotipi: immagini mentali con cui rappresentiamo la realtà. Sono
semplificazioni rigide che usiamo come “scorciatoie” rispetto
alla complessità del mondo. Sono costruzioni sociali che si radicano
poco a poco, fino a divenire idee stabili che si tramandano tra
generazioni, nelle famiglie, nelle scuole. L’intervento educativo
è l’unico strumento che abbiamo per restituire alla nostra
rappresentazione del mondo e dei generi profondità e complessità,
uguaglianza e differenza.

Nell’ambiente
scolastico le differenze di genere emergono quotidianamente in ogni
situazione pratica: dalla gestione dei giochi alla suddivisione dei
compiti, dalle richieste di comportamento alla realizzazione della
programmazione disciplinare. Educare alle pari opportunità significa
contribuire a modificare atteggiamenti e mentalità, a superare gli
stereotipi attraverso l'elaborazione di strumenti educativi e "azioni
positive", costituisce lo stimolo per far pensare i bambini e le
bambine sulle differenze di genere e permettere loro di focalizzarne
l’esistenza, offrendo strumenti per l’utilizzo delle differenze
stesse, intese come risorsa e come ricchezza piuttosto che come
barriera e come chiusura all’altro da sé.Osservare,
riflettere sulle differenze fra maschile e femminile “giocando con
gli stereotipi” darà luogo ad esperienze di confronto. Le
differenze di genere sono tramite di relazione e di reciprocità.

DESTINATARI:
Studentesse
e studenti degli Istituti Superiori di Secondo Grado (fascia di età
15/19)

OBIETTIVI
GENERALI:
Partendo
dai 4 temi chiave individuati dall'Unione Europea (Diritti,
Rappresentatività, Riconoscimento, Rispetto) la presente proposta è
finalizzata a:

METODOLOGIE: Viene
privilegiato un approccio prevalentemente operativo e cooperativo che
motivi gli alunni, stimolando la riflessione e l'analisi in modo da
consentire la maggiore creatività possibile e affinché tutti, al di
là delle singole capacità, possano partecipare attivamente ai
lavori della classe, utilizzando tutte le tecniche: dalla
simulazione al problem solving
,
dallo studio individuale al brainstorming. Si ha cura, a tale
proposito, di attuare una metodologia progressiva che vada dal
semplice al complesso: dalla raccolta dei dati esperienziali, alla
conoscenza degli stessi, dalla comprensione alla comparazione delle
tematiche nel loro complesso, dall'elaborazione dei dati alla
rielaborazione critica, fino alla sintesi di conoscenze e alle
competenze comunicative non solo scritte ma anche verbali.

Vengono
favorite, in generale, tutte le attività che facilitano:

ATTIVITA': Sono
previsti 2 incontri di 2 ore ciascuno da svolgersi in orario
curricolare.

In particolare le attività previste prevederanno:

seguici